Novembre 2018

MyArbor - l'hotel sugli alberi

Un hotel sugli alberi? All’inizio sembrava più un progetto per inventori di parchi giochi. Uno sguardo da vicino rivela la sorpresa: 161 metri di lunghezza, 32 metri di altezza, 65 colonne portanti, 104 suite e una fantastica vista sulla Valle Isarco. E improvvisamente ricordi d'infanzia erano svegli.

© 2020 Wolf Fenster AGIl My Arbor a Bressanone è uno dei nostri ultimi e più emozionanti progetti. 104 suite, 6 saune, 8 camere spa, 183 lavabi e una piscina a sfioro illuminate da luce naturale. Solo la facciata intera in vetro misura 950 m2. Nelle camere e nelle suite brillano 330 elementi di vetro fissi e oltre 100 portefinestre.  La paratoia per piscine automatica collega l’area di riposo con la terrazza soleggiate e garantisce l’isolamento termico e acustico.

La sfida più grande durante la costruzione è stata l'altezza del montaggio. Poiché l'intero edificio si trova su palafitte nel mezzo di un pendio forestale, è stata una sfida particolare di posare i grandi elementi in vetro in modo sicuro e pulito. Con l'aiuto delle nostre gru mobili e le mani tranquille dei montatori, tuttavia, il lavoro è stato completato a nostra piena soddisfazione.

Oltre agli elementi in vetro il My Arbor si concentra su molti elementi in legno. Nella sala principale 48 alberi sono appesi a testa in giù dal soffitto, mentre gli interni sono realizzati in stile alpino usando elementi di larice e abete locale. E i pavimenti risplendono di quercia e pietre naturali locali come la quarzite e il porfido. L'intero design degli interni è mantenuto in un aspetto puro con linee chiare e materiali naturali.

© 2020 Wolf Fenster AGIl nostro posto preferito nell’hotel? Difficile da dire. Forse l'angolo vetrato nella sala nido, la sauna privata nella Treetop Suite o la sala relax nel primo piano interrato. Sulle palafitte alte 4 metri immerse nel bosco ci sono molti posti da sentirsi bene.

Ma ciò che ci tocca particolarmente è il metodo di costruzione che rispetta l’uso consapevole delle risorse. I materiali primi sono in gran parte di provenienza regionale. L'edificio è costruito in standard casaclima A. Il consumo energetico viene mantenuto a livelli bassi. A causa del terreno in pendenza e la costruzione su pilastri non erano necessari grandi lavori di scavo e le interferenze con la natura sono poche. Neanche una deforestazione di grandi aree forestali non era necessaria.

Fotos: Benno Prenn